Domenica 21 10 2018 - Aggiornato alle 00:10

treni_storici_nella_valle_dei_templi_foto_di_roberto_meli
Akragas Express Torna per la Sagra il treno storico che attraversa la Valle dei templi

Il 12 marzo sarà inaugurata la rinnovata stazione di “Porto Empedocle Succursale”, chiusa dal 1978

- 10/03/2016

Torna, nel fine settimana, il treno storico della Fondazione FS  per i viaggi da Agrigento alla Valle dei Templi e fino alla rinnovata stazione di Porto Empedocle “Succursale”.

In particolare, sabato 12 marzo, in concomitanza con l’avvio della settantunesima edizione della Sagra del Mandorlo in Fiore, d’intesa con Rete Ferroviaria Italiana e con la collaborazione di Trenitalia e il supporto dell’Associazione Ferrovie Kaos, sarà inaugurata la rinnovata stazione di “Porto Empedocle Succursale”, chiusa dal 1978.

Distante circa 800 metri dalla Stazione di Porto Empedocle Centrale, questa fermata consentirà a cittadini e turisti provenienti da Agrigento di arrivare direttamente nel cuore della località marina.

Posta a soli 100 metri dal porto, sarà punto di riferimento per i crocieristi in arrivo con le navi che attraccano periodicamente e che avranno così una comoda opportunità di visitare la suggestiva Valle dei Templi anche attraverso il treno storico.

In occasione di questo evento, dall’11 al 13 marzo sono programmate ben 16 corse a bordo delle storiche automotrici diesel Fiat ALn668, sulla linea Agrigento Bassa–Porto Empedocle Succursale.

L’itinerario, inserito nel progetto “Binari senza tempo”, consentirà ai partecipanti di immergersi nelle straordinarie bellezze di questo territorio, all’insegna di viaggi “lenti e dolci” in uno stile d’altra epoca.

Costituita nell’ambito del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, la Fondazione FS ha lo scopo di valorizzare e preservare un inestimabile patrimonio storico, tecnico, ingegneristico e industriale composto da oltre 500mila foto, 3mila pellicole cinematografiche, una biblioteca con 50mila volumi, centinaia di rotabili storici, migliaia di cartografie e progetti di ponti, gallerie e linee ferroviarie.

Informazioni dettagliate su www.fondazionefs.it.

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione